Il servizio Taxi viene definito servizio di trasporto pubblico non di linea.

Riportiamo qui di seguito la normativa di riferimento per il settore taxi:

Normativa Nazionale Specifica:

Legge Quadro Nazionale
Colorazione Taxi
Conferimento alle Regioni
Decreto Bersani – disposizioni per il rilancio economico

Normativa Nazionale Generale:

Legge quadro per l’artigianato
Posta Elettronica Certificata obbligatoria per i Taxi

Normativa Fiscale:

Esenzione IVA per i servizi urbani
Integrazione sull’esenzione IVA per i servizi urbani
Esenzione dall’obbligo di emissione fattura/scontrino

Codice Civile:

Impresa Familiare

Codice della Strada:

Codice della strada
Punti sulla patente professionale
Vecchie disposizioni gestione punteggio patente CQC e KB (abrogato)
Nuove Disposizioni Rilascio CQC e KB – Decreto 17 aprile 2013
Uso proprio del veicolo taxi in “fuori servizio”
Divieto di uso del Cellulare alla guida di taxi e Ncc

Corte di Cassazione:

Prelievo del cliente “fuori comune” (22296 del 2/11/2010)

Normativa Comunità Europea:

Direttiva Europea 123 del 2006 (Bolkestein)

Normativa Tecnica:

Direttiva MID (Measuring Instruments Directive)

 

Il servizio taxi è un servizio prettamente locale, pertanto alle sopracitate normative vanno aggiunte le varie norme regionali che recepiscono, integrano e diffondono a livello locale la legge quadro nazionale.
Successivamente i comuni nell’ambito della delega ricevuta dalle leggi regionali adottano i regolamenti che poi vengono approvati dalle provincie.

 

Riportiamo l’elenco delle normative regionali diviso per regione:

Abruzzo Liguria Sicilia
Basilicata Lombardia Toscana
Toscana Delibera ’95
Calabria Marche Trentino-Alto Adige
Campania Molise Umbria
Emilia-Romagna Piemonte Valle d’Aosta
Friuli-Venezia Giulia Puglia Veneto
Lazio Sardegna